Recuva

Recuperare i file cancellati

Recuva

Può capitare per errore, per distrazione di cancellare file che non vorremmo mai cancellare, fortunatamente niente è perso per sempre, infatti possiamo utilizzare un programma specifico per recuperare i file cancellati.

In commercio esistono moltissimi software di questo tipo alcuni sono gratuiti, altri a pagamento ed altri che ti concedono l’utilizzo per un periodo limitato oppure una quantità specifica di dati da recuperare.

Uno dei programmi più famosi e gratuiti è Recuva prodotto dalla stessa casa che produce CCleaner.

Recuperare i file cancellati

Recuva è un programma molto semplice da usare ti permette di selezionare il tipo di file da recuperare (Foto, Video, Musica, Documenti, ecc.), successivamente indicare dove deve eseguire il recupero.

Recuperare i file cancellati

Recuperare i file cancellati

Dopo aver scelto sia la categoria che l’unita Recuva si metterà al lavoro e segnerà ogni file con un pallino, esistono tre pallini (Rosso: file danneggiato non recuperabile, Giallo: parzialmente recuperabile, Verde: completamente recuperabile).

Vi verranno fornite altre informazione sui file cancellati come la loro posizioni, la dimensione e l’ultima volta che sono stati modificati.

Oltre alla scansione normale avrete a disposizione la scansione approfondita dove potrete settare dei parametri come ad esempio di non considerare i file con dimensione di 0 byte.

Recuva oltre a recuperare i file cancellati e in grado di eseguire una cancellazione sicura ovvero sovrascrivere i file che ha trovato in modo da renderli irrecuperabili, potrete scegliere tra 4 algoritmi secondo il loro livello di sovrascrittura ci metteranno da qualche minuto a diverse ore, sempre a seconda di quanti file trova.

Recuperare i file cancellati può risultare un’operazione lunga, infatti il programma deve scansionare ogni settore del nostro disco perciò più è capiente il nostro disco più tempo ci vuole per analisi, per velocizzare il processo è bene non svolgere nessuna attività nel frattempo.

Spero che questo articolo vi sia stato utile.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.